Pozzo Perma

I tanti bambini del villaggio, superata l'iniziale diffidenza nei confronti dell'uomo bianco', si sono stretti in modo affettuoso intorno ai componenti delle delegazione italiana accettando l'invito di recarsi alle jeep per poter ricevere in dono caramelle, succhi di frutta, biscotti, palle da gioco e tanti altri doni offerti loro dai tanti sostenitori che anche a distanza non hanno fatto mancare il proprio gesto di amore nei confronti di queste popolazioni.

 

Nell'occasione, ai bambini sono stati donati anche i piccoli regali preparati con tanto amore ed impegno dalla piccola Manuela, una bambina pugliese di 7 anni che coinvolta dalla propria famiglia ha manifestato sin da subito una sensibilità particolare nei confronti dei bambini africani suoi coetanei.

Infatti, in modo spontaneo ed autonomo, Manuela ha realizzato con le proprie mani tanti piccoli gufetti di gesso (portafortuna) e dei palloncini di legno colorati e disegnati che sono stati donati nelle mani dei piccoli bambini a simboleggiare una amicizia speciale che, tramite Manuela, siamo riusciti a stringere almeno virtualmente e sentimentalmente tra i piccoli bambini africani e quelli piu fortunati che vivono nel nostro continente.

 

FRIENDS AND BIKERS O.N.L.U.S.

Associazione di Volontariato senza scopo di lucro

International Charity Organization

Il "Pozzo di Jacob" nel villaggio di Perma

 

E' importante l'impegno da parte di tante associazioni nell'aiutare le popolazioni in difficoltà, ma è altrettanto importante sincerarsi che gli investimenti fatti per diffondere gli aiuti non vadano sprecati o vanificati nel corso del tempo.

 

Proprio per questo, il 21 Settembre la delegazione ha si è recata per una visita a sorpresa nell'arrondissement di Perma nel villaggio dove ad inizio 2016 la comunità religiosa guidata da padre Vincenzo Scognamiglio ha costruito un pozzo per dare acqua ai tanti, tantissimi bambini che vivono nei villaggi limitrofi.

 

A distanza di mesi il pozzo è in condizioni totalmente funzionante e quotidianamente donne e bambini attingono acqua per le proprie esigenze sanitarie e di alimentazione.